La Bambola Assassina arriva il 19 giugno in anteprima mondiale: una featurette alla scoperta del nuovo Chucky

Autore: Mario Spagnoletto ,

La Bambola Assassina - il reboot dell'omonimo film del 1988 ideato da Don Mancini e diretto da Tom Holland - sarà distribuito da Midnight Factory nei nostri cinema il prossimo 19 giugno, in anteprima mondiale.

Proprio Midnight Factory - etichetta horror di proprietà di Koch Media - ha diffuso una featurette in lingua originale sottotitolata in italiano, che ci mostra come Chucky ha preso vita. La featurette è comodamente visibile all'inizio dell'articolo. 

Advertisement

Il film non è collegato in alcun modo con gli attuali progetti di Don Mancini, che, infatti, non è stato coinvolto in alcun modo nel progetto (ricordiamo che è però al lavoro su una serie TV dedicata proprio a Chucky). Mark Hamill doppierà Chucky nella versione originale. 

Advertisement

Grazie alla featurette scopriamo che Chucky non è stato realizzato in CGI, ma grazie a ben sei bambole animatroniche, ricoperte da un esoscheletro in plastica e da pelle realizzata in schiuma di lattice. 

Ne La Bambola Assassina troviamo Karen (interpretata da Aubrey Plaza), una mamma single che regala a suo figlio Andy (Gabriel Bateman) una bambola modello Buddi. Ma Karen ignora completamente la natura sinistra del bambolotto.

La Bambola Assassina, diretto da Lars Klavberg (Polaroid) su sceneggiatura scritta da Tyler Burton Smith, è prodotto da David Katzenberg e Seth Grahame-Smith.

Chucky tornerà ad uccidere nei nostri cinema il prossimo 19 giugno. 

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Come finisce Decision to Leave, il film e il caso spiegato

Confuso dal finale di Decision to Leave? Leggi la spiegazione del caso poliziesco e di quanto succede nella scena finale in questo approfondimento.
Autore: Elisa Giudici ,
Come finisce Decision to Leave, il film e il caso spiegato

Confusi dal finale di Decision to Leave? È comprensibile. Il film di Park Chan-wook infatti porta lo spettatore nei meandri di un’investigazione poliziesca complessa, con tanto di salto temporale a metà film. Non solo: c’è un’ulteriore evoluzione rispetto alla prima investigazione, senza dimenticare un finale tutto da decifrare.

C’è molto da scoprire insomma in un film bellissimo ma che richiede molta attenzione allo spettatore, come anticipato nella recensione di Decision to Leave.

Sto cercando altri articoli per te...