I Guardiani della Galassia regalano un Natale Speciale

Autore: Giuseppe Benincasa ,
Copertina di I Guardiani della Galassia regalano un Natale Speciale

James Gunn ce l'ha fatta: ha realizzato lo Speciale di Natale perfetto, andando a scavare nel cuore di Peter Quill aka Star-Lord e in quello di tutti noi. Lo Speciale di Natale dei Guardiani della Galassia è probabilmente il miglior prodotto standalone realizzato da Marvel Studios per la piattaforma streaming Disney+.

Advertisement

Lo Speciale si collega in maniera naturale (e quindi non forzata) al primo e al secondo film dei Guardiani della Galassia ma anche ad Avengers: Endgame. I temi forti messi in campo con la solita ironia dal regista James Gunn sono tre: amicizia, paternità e amore.

Tutto si concentra su Star-Lord, interpretato ancora una volta da Chris Pratt, che è triste per non avere accanto la sua innamorata Gamora. Quest'ultima è morta per mano di Thanos (nel film Avengers: Infinity War) ma una variante del passato di Gamora è ancora in vita e Star-Lord la sta cercando per farla ancora una volta innamorare di lui.

Un altro motivo per cui Mantis ritiene che Peter sia triste è che sulla Terra - i Guardiani si trovano nello spazio nella loro nuova casa aka Nnowhere - si sta festeggiando il Natale.

Advertisement

Secondo Mantis e gli altri, questo periodo festoso per tutti ricorda a Quill un momento brutto della sua vita e più precisamente un Natale in cui Yondu (morto nel secondo capitolo dei Guardiani della Galassia) diceva di odiare il Natale.

Peter pare triste e i suoi amici Mantis e Drax vogliono fargli una sorpresa: portargli il leggendario eroe terrestre Kevin Bacon. L'attore americano interpreta se stesso. 

In Guardiani della Galassia volume uno, Peter parla spesso di Kevin Bacon come se fosse un personaggio e non un attore umano. I riferimenti cinematografici di Peter Quill sono infatti quelli degli anni '80 e in particolare lui adora il film Footloose del 1984.

Nello Speciale di Natale dei Guardiani della Galassia - ultima delle uscite Marvel 2022 - c'è tutto: amicizia, amore e tanta commozione se si pensa a un padre (quello che era Yondu per Peter) che non c'è più. Ma si ride anche e si ascolta della buona musica.

Advertisement

James Gunn ha confezionato in meno di un'ora un'avventura terrestre condita con un pizzico di "Una notte da leoni", alcuni momenti esilaranti con Mantis e Drax, tantissimi easter egg e riferimenti al passato dei Guardiani della Galassia e ancora alcune nostalgiche lacrime per quello che non c'è più ma che si può ricordare con il sorriso.

Immagine di copertina gentilmente concessa da The Walt Disney

Commento

Nospoiler.it

90

Un prodotto speciale a più livelli con tanti temi, divertimento e commozione.

Pro

  • Divertente
  • Commovente
  • Profondo
  • Le musiche
  • La presenza di Cosmo

Contro

  • Dura troppo poco
  • Groot poco presente
Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Qual è la differenza tra il DCEU e il DCU di James Gunn

Scopri la differenza fra il DCEU, l'universo cinematografico DC nato negli anni '10, e il nuovo DCU lanciato da James Gunn!
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Qual è la differenza tra il DCEU e il DCU di James Gunn

Nel video in cui James Gunn ha annunciato le novità per DC tra film e serie TV, il regista e co-presidente DC Studios ha fatto riferimento all'universo multimediale DC chiamandolo DCU. Questo acronimo era già stato utilizzato da alcuni fan e giornalisti fin dal 2014, per analogia con il Marvel Cinematic Universe, abbreviato in MCU fin dal 2009 (in occasione di una visita sul set di Iron Man 2 di Kevin Feige).

In passato la casa cinematografica Warner Bros. ha utilizzato un acronimo diverso: DCEU, ovvero DC Extended Universe. Questa sigla è stata utilizzata su riviste come Entertainment Weekly ed Empire a partire dal 2015, ed è stato ufficializzato da Warner Bros. cinque anni dopo per il lancio della piattaforma streaming HBO Max.

Sto cercando altri articoli per te...