UNO, la versione minimalista del gioco di carte

Autore: Rina Zamarra ,
Copertina di UNO, la versione minimalista del gioco di carte

I giochi da tavolo sono sicuramente un fantastico passatempo. Cosa c’è di meglio di una partita a UNO per movimentare una serata casalinga? È dal 1971 che questo gioco di carte, proveniente dagli Stati Uniti, conquista giocatori in giro per il mondo. 

Nel corso del tempo, poi, UNO è stato oggetto di diversi esperimenti di restyling. Sono state prodotte simpatiche versioni ispirate a Barbie, a Harry Potter, ai Simpson, a SpongeBob e ai personaggi del film Cars. Esiste persino un’edizione in Braille pensata per consentire ai non vedenti di cimentarsi con il gioco. 

Advertisement

Mattel
UNO - il gioco nella versione Harry Potter

Ebbene, l’ultima novità pronta a rivoluzionare il gioco arriva dal Brasile, dove il designer Warleson Oliveira ha creato una variante decisamente minimalista. Il designer ha postato online il suo lavoro a inizio gennaio, con l’intento di farsi pubblicità. Avrebbe potuto realizzare e vendere le sue carte come versione non ufficiale, ma ha preferito attirare l’attenzione lanciando persino una raccolta firme tra gli utenti che hanno dimostrato apprezzamento per il suo lavoro. Ebbene, le carte minimalista sono piaciute talmente tanto che la Mattel ha deciso di produrle

Advertisement

Sarà, dunque, in commercio questo UNO molto più elegante con le carte in una bella scatola nera. Ovviamente, le regole saranno sempre le stesse.

Il gioco non è stato ancora prodotto da Mattel. Secondo le informazioni trapelate in questi giorni, dovrebbe essere in vendita entro quest’anno. Non è stata comunque svelata una data ufficiale di lancio e lo stesso Warleson Oliveira ha semplicemente annunciato che presto il suo UNO sarà negli scaffali dei negozi. 

Mattel
UNO - la versione minimalista

Purtroppo, però, ci sono già degli e-commerce che propongono una versione di UNO simile a quella realizzata da Oliveira. Si tratta di imitazioni non ufficiali, che non sono prodotte e commercializzate da Mattel. 

Che ne pensate: vi piace il nuovo UNO in versione minimalista?

Advertisement
Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Come finisce Decision to Leave, il film e il caso spiegato

Confuso dal finale di Decision to Leave? Leggi la spiegazione del caso poliziesco e di quanto succede nella scena finale in questo approfondimento.
Autore: Elisa Giudici ,
Come finisce Decision to Leave, il film e il caso spiegato

Confusi dal finale di Decision to Leave? È comprensibile. Il film di Park Chan-wook infatti porta lo spettatore nei meandri di un’investigazione poliziesca complessa, con tanto di salto temporale a metà film. Non solo: c’è un’ulteriore evoluzione rispetto alla prima investigazione, senza dimenticare un finale tutto da decifrare.

C’è molto da scoprire insomma in un film bellissimo ma che richiede molta attenzione allo spettatore, come anticipato nella recensione di Decision to Leave.

Sto cercando altri articoli per te...